Premetto subito che questa funzionalità, cioè il poter tornare indietro annullando le ultime modifiche effettuate, non è una funzionalità offerta da ProjectLibre.

E’ una features poco conosciuta di Evernote (se ancora non lo usi dacci un’occhiata e vedrai come può esserti utile) ,  facile da implementare e comodissima.

Si tratta di configurare un taccuino LOCALE di Evernote gestendone l’importazione automatica di files salvati in una cartella del PC.

Ho già parlato dell’importazione automatica di allegati in Evernote in questo blog ed in in un altro articolo, a cui rimando per i dettagli implementativi, e potrete constatare come sia facile farlo e, soprattutto, farvi venire altre idee su come sfruttare questa funzionalità.

ProjectLibre, come tanti altri applicativi Windows, non possiede la funzione Annulla (o CTRL-Z) a più livelli come Microsoft Project (dalla versione 2007 in poi).

La possibilità di poter tornare ad una situazione precedente, magari 5 o sette volte prima è, non solo comoda, ma a volte fondamentale per lavorare con maggiore sicurezza su un piano di progetto.

E’ una situazione che si verifica sia nella fase di impostazione del piano di progetto, sia durante la sua fase di esecuzione.

Attualmente, l’unica possibilità che abbiamo per cautelarci prima di effettuare una modifica che richiede più passi, è quella di salvare una copia del file di progetto con il classico comando Salva come impostando un nome di file con un progressivo.

Sarò fissato con Evernote (non lo nego), ma chi mi legge sa già come sia diventato per me la mia “homepage”, il mio database, il mio sistema documentale e altro ancora. Quindi non stupitevi se gli usi che ne faccio sono così “particolari”.

Nell’immagine seguente potete vedere il risultato che si può avere in Evernote quando decidiamo di effettuare un salvataggio con il comando Salva di ProjectLibre del file prova.pod, ma la stessa cosa possiamo ottenerla con QUALSIASI applicazione Windows. Basta salvare la prima volta un documento nella cartella locale di importazione sincronizzata con Evernote, ed il gioco è fatto. Ogni volta che salviamo il file, viene creata automaticamente una nota di Evernote con la copia corrente del documento che stiamo modificando.

Versioni diverse di piani di progetto ProjectLibre con Evernote

Nella colonna Creato potete vedere la sequenza dei salvataggi e poter scegliere, eventualmente, quale versione del piano di progetto ripristinare nel caso in cui abbiamo fatto degli errori nel documento in fase di modifica.

Ripeto, questo meccanismo, una sorta di “versioning” dei documenti, funziona anche con altri tipi di documenti (Excel, Word, Powerpoint,  e così via).

Un’ultima cosa, fin qui ho scritto più volte di usare un taccuino Locale di Evernote e non uno sincronizzato con l’account su Internet. Non è una limitazione di Evernote, ma solo un accorgimento per non usare la quota di sincronizzazione mensile messa a disposizione da Evernote. Per gli accounts Premium forse non è un problema, ma per quelli Free, i 60 megabytes disponibili mensilmente si consumerebbero magari nel giro di un’ora.

E voi, pensate di utilizzare questa funzionalità? E se ancora non usate Evernote, non siete incuriositi di darci un’occhiata?